Non sei connesso Connettiti o registrati

***Grecia***

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 ***Grecia*** il Ven Mar 22, 2013 12:19 pm

Ospite


Ospite

2 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 9:00 am

Ospite


Ospite
Grecia-Info

Capitale: Atene
Lingua: Greco
Popolazione: 11.304.000 Ab.
Valuta:Euro
Religione: Greco-Ortodossa
Inno nazionale:Imnos is tin Eleftherian (Ύμνος εις την Ελευθερίαν)

Testo originale
Σε γνωρίζω από την κόψη
του σπαθιού την τρομερή,
Σε γνωρίζω από την όψη,
που με βια μετρά[ει] τη[ν] γη.
Απ' τα κόκαλα βγαλμένη
των Ελλήνων τα ιερά,
Και σαν πρώτα ανδρειωμένη,
χαίρε, ω χαίρε Ελευθεριά.
Trascrizione
Se gnorízo apó tin kópsi
tou spathioú tin tromerí,
Se gnorízo apo tin opsi
pou me viá metrá ti ji.
Ap'ta kokkala vgalméni
ton Ellínon ta ierá,
Ke san próta andrioméni,
khére, o khére,
Eleftheria!
Traduzione
Ti riconosco dal taglio
terribile della spada
ti riconosco dall'espressione
che contempla la terra con maggiore vigore
Risollevatati dalle ossa
sacre dei Greci,
e valorosa come prima,
ave, o ave, Libertà!



Ultima modifica di Tommaso il Sab Apr 06, 2013 3:38 pm, modificato 2 volte

3 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 9:05 am

Ospite


Ospite
Il teatro è un invezione degli antichi greci: sia il luogo, sia gli spettacoli, chiamati drammi.
Il teatro poteva ospitare migliaia di persone. Gli spettatori entravano all'alba e uscivano la sera.
I drammi si suddividono in Tragedie e Commedie.
Le tragedie erano e sono racconti tristie commoventi, mentre le commedie sono racconti comici e felici.
Gli attori erano rigorosamente maschi a prescindere dal loro ruolo.
Indossavano maschere per interpretare un ruolo e per amplificare la voce.

4 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 9:07 am

Ospite


Ospite
Le Olimpiadi

Nacquero nel 776 a.C, ad Olimpia.

Le prime Olimpiadi duravano cinque giorni, ma col passare del tempo, diventarono s bempre più importanti: i giochi aumentarono ed arrivarono ad un massimo di venti, così anche i giorni,che amumentarono di due, arrivando ad un massimo di sette giorni.
Venivano organizzate ogni quattro anni, dal CIO: Comitè international olympique.
Le Olimpiadi erano dedicate a Zeus; il vincitore riceveva in premio una corona d'alloro o d'ulivo.
Le gare erano fisiche e di resistenza:

@Stadion: gara di corsa.
@Diaulos: gara di corsa su doppia di distanza rispetto allo Stadion.
@Dolicos:corsa di resistenza
@Pugilato
@Lotta
@Pancrazio: un misto tra lotta e pugilato
@Penthatlon: salto in lungo, lancio del giavellotto, lancio del disco, lotta, corsa. Era l'insieme di tutte le dicipline.
@Hoplitrodromos: corsa con le armi.
@Gare equestri: gare con i carri e con i cavalli.

Gli Dei

Si dice che vivessero sul Monte Olimpo, si nutrivano con nettare e ambrosia, un'erba che gli rendeva eternamente giovani ed immortali.

Dei principali:

Zeus (Giove): dio padre e dio del fulmine.
Era (Giunone): dea del matrimonio e delle personalità femminili.Il suo sanimale sacro è il pavone.
Atena (Minerva): dea della sapienza e nei momneti di rabbia, la dea della guerra. Animale sacro: la civetta.
Crono (Saturno): dio del tempo.
Poseidone (Nettuno): dio del mare e degli animali acquatici.
Afrodite (Venere): dea dell'amore e della bellezza, nata dalla spuma del mare.
Ares (Marte): dio della guerra.
Apollo (Ferboapollo): dio del sole, dell'arte, della poesia e della musica.
Hermes (Mercurio): messaggero degli dei e dio dei mercanti e dei ladri.
Ade (Plutone): dio degli inferi e giudice delle anime.

Dei secondari:

Demetra (Cerere): dea della prosperità.
Estia (Vesta): dea del focolare domestico.

5 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 9:54 am

Ospite


Ospite
Piatti principali [modifica]


Si trovano frequentemente piatti a base di carne come l'agnello o il porcellino da latte allo spiedo o alla piastra, non diversamente da quanto comune nel sud italia. Note preparazioni di questo tipo sono i Souvlákia (spiedini cotti ai ferri e infilzati successivamente) e lo Giouvétsi (agnello arrosto con pasta cotta). Di chiara influenza turco-araba è il o GyroGyros, una sorta di Kebab di vitello venduto, molto spesso, agli angoli delle strade da chioschetti: il Gýros viene servito come Píta Gýros, cioè carne condita con Tzatzíki, pomodoro e cipolla, arrotolata all'interno di una Píta, cioè una piadina rotonda. Molto comuni le polpette come le Soutzoukákia (polpettine di carne al sugo di pomodoro), i Keftédes (polpettine fritte di carne o di legumi) e i Dolma o "dolmades" (polpettine di carne tritata o di riso avvolte nelle foglie di verza o di vite e poi condite con salsa di uova e limone).
Altrettanto frequenti sono i piatti al forno, di cui il più famoso è senz'altro la Moussaka, uno sformato di melanzane, patate, Ragù e Besciamella, simile alle Melanzane alla Parmigiana in uso in Italia. Particolare è anche l'offerta di sformati a base di verdure, come Spanakopita. Nell'isola di Folegandros, appartenente all'arcipelago delle Cicladi, si può trovare una specialità locale la "Matsada", una sorta di spaghetti di farina bianca serviti con polpette di carne e sugo di pomodoro.
Nelle zone costiere e nelle isole il pesce prende il sopravvento sulla carne e viene servito in numerosi modi e praticamente ad ogni angolo della strada dalle Tavérnes (trattorie), dai ristoranti e dai banchetti. Un tipico piatto è la taramosalata.
I latticini sono ingredienti molto importanti, in quanto la nazione è dedita alla pastorizia. I formaggi infatti costituiscono quasi un capitolo a sé stante dell'offerta gastronomica greca dal momento che ve ne sono molti e che le tradizioni di stagionatura locali aumentano questa varietà. Il più noto è la Feta, formaggio di capra bianco, a pasta granulosa e di gusto leggermente asprigno. Meno famosi all'estero, ma diffusi in patria sono il Kaséri, il Manouri di Creta, il Ladotýri nelle Isole Cicladi e Lesbo, i formaggi bianchi o gialli della Tessaglia, il Metsovóne della cittadina tradizionale di Metsovo (Epiro). Altrettanto importante nella dieta del paese e nella sua gastronomia è lo Giaoúrti (yogurt), che si gusta liscio o dolcificato con il miele del posto e le noci.
Al pari dei piatti di carne o pesce troviamo una offerta tradizionale di insalate ricche delle numerose verdure solitamente prodotte in loco. La più famosa è senza dubbio la Khoriátiki Salàta, l'insalata alla Greca, con fette di cetriolo, pomodoro e condita con olio extravergine, origano, olive, peperoni, cipolle fresche a fette, e pezzetti di formaggio feta.

6 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 9:56 am

Ospite


Ospite
Flavio ha scritto:Piatti principali



Si trovano frequentemente piatti a base di carne come l'agnello o il porcellino da latte allo spiedo o alla piastra, non diversamente da quanto comune nel sud italia. Note preparazioni di questo tipo sono i Souvlákia (spiedini cotti ai ferri e infilzati successivamente) e lo Giouvétsi (agnello arrosto con pasta cotta). Di chiara influenza turco-araba è il o GyroGyros, una sorta di Kebab di vitello venduto, molto spesso, agli angoli delle strade da chioschetti: il Gýros viene servito come Píta Gýros, cioè carne condita con Tzatzíki, pomodoro e cipolla, arrotolata all'interno di una Píta, cioè una piadina rotonda. Molto comuni le polpette come le Soutzoukákia (polpettine di carne al sugo di pomodoro), i Keftédes (polpettine fritte di carne o di legumi) e i Dolma o "dolmades" (polpettine di carne tritata o di riso avvolte nelle foglie di verza o di vite e poi condite con salsa di uova e limone).
Altrettanto frequenti sono i piatti al forno, di cui il più famoso è senz'altro la Moussaka, uno sformato di melanzane, patate, Ragù e Besciamella, simile alle Melanzane alla Parmigiana in uso in Italia. Particolare è anche l'offerta di sformati a base di verdure, come Spanakopita. Nell'isola di Folegandros, appartenente all'arcipelago delle Cicladi, si può trovare una specialità locale la "Matsada", una sorta di spaghetti di farina bianca serviti con polpette di carne e sugo di pomodoro.
Nelle zone costiere e nelle isole il pesce prende il sopravvento sulla carne e viene servito in numerosi modi e praticamente ad ogni angolo della strada dalle Tavérnes (trattorie), dai ristoranti e dai banchetti. Un tipico piatto è la taramosalata.
I latticini sono ingredienti molto importanti, in quanto la nazione è dedita alla pastorizia. I formaggi infatti costituiscono quasi un capitolo a sé stante dell'offerta gastronomica greca dal momento che ve ne sono molti e che le tradizioni di stagionatura locali aumentano questa varietà. Il più noto è la Feta, formaggio di capra bianco, a pasta granulosa e di gusto leggermente asprigno. Meno famosi all'estero, ma diffusi in patria sono il Kaséri, il Manouri di Creta, il Ladotýri nelle Isole Cicladi e Lesbo, i formaggi bianchi o gialli della Tessaglia, il Metsovóne della cittadina tradizionale di Metsovo (Epiro). Altrettanto importante nella dieta del paese e nella sua gastronomia è lo Giaoúrti (yogurt), che si gusta liscio o dolcificato con il miele del posto e le noci.
Al pari dei piatti di carne o pesce troviamo una offerta tradizionale di insalate ricche delle numerose verdure solitamente prodotte in loco. La più famosa è senza dubbio la Khoriátiki Salàta, l'insalata alla Greca, con fette di cetriolo, pomodoro e condita con olio extravergine, origano, olive, peperoni, cipolle fresche a fette, e pezzetti di formaggio feta.

7 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 9:56 am

Ospite


Ospite
Il Mito d'Europa


Il mito narra della principessa Europa, figlia del re dei Fenici (il cui regno si estendeva sul territorio dell’attuale Libano e comprendeva le fiorenti città di Tiro e Sidone), che scesa al mare con le ancelle incontrò sulla spiaggia un toro bianco di grande bellezza e mitezza, tanto da indurla a cavalcarlo. Ma il toro si lanciò attraverso il mare trasportando la fanciulla fino all’isola di Creta, dove assunse le sembianze di Zeus e con lei generò tre figli, tra i quali Minosse, re di Creta, e Radamanto, giudice degli inferi. Il mito continua col racconto sui fratelli di Europa, che partirono in varie direzioni per cercare la sorella: tra questi Cadmo che giunse nella Grecia continentale e qui fondò Tebe; a lui è attribuita la trasmissione dell’alfabeto dalla Fenicia alla Grecia.

8 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 12:13 pm

Ospite


Ospite
MITOLOGIA study

Mitologia
(dal greco mythos e logein; letteralmente: discorrere in maniera
razionale del racconto poetico) è il termine con cui si indica lo
studio - riferito di frequente alle singole religioni - dei
miti.


Disciplina
considerata fenomeno culturale assai complesso, la mitologia può
essere analizzata sotto diverse prospettive; il suo corpus è
comunque dato dall'insieme di narrazioni - quasi sempre orali, spesso
letterarie - e da drammatizzazioni e rappresentazioni di tipo
figurativo che mettono a fuoco le vicende di personaggi esterni al
tempo inteso in senso storico.


L'intersecarsi,
il comporsi - ed anche lo scomporsi ed il successivo ricomporsi -
delle vicende mitologiche - che è possibile vedere sotto una diversa
prospettiva a seconda di una narrazione o rappresentazione rispetto
ad un'altra - costituiscono il patrimonio di una determinata cultura.







Il
mito d' europa queen







[size=16]Il
mito narra della principessa Europa, figlia del re dei Fenici (il cui
regno si estendeva sul territorio dell’attuale Libano e comprendeva
le fiorenti città di Tiro e Sidone), che scesa al mare con le
ancelle incontrò sulla spiaggia un toro bianco di grande bellezza e
mitezza, tanto da indurla a cavalcarlo. Ma il toro si lanciò
attraverso il mare trasportando la fanciulla fino all’isola di
Creta, dove assunse le sembianze di Zeus e con lei generò tre figli,
tra i quali Minosse, re di Creta, e Radamanto, giudice degli inferi.
Il mito continua col racconto sui fratelli di Europa, che partirono
in varie direzioni per cercare la sorella: tra questi Cadmo che
giunse nella Grecia continentale e qui fondò Tebe; a lui è
attribuita la trasmissione dell’alfabeto dalla Fenicia alla
Grecia.



Ultima modifica di Fulco il Ven Apr 05, 2013 9:30 am, modificato 1 volta

9 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 12:18 pm

Ospite


Ospite
MITOLOGIA study

Mitologia
(dal greco mythos e logein; letteralmente: discorrere in maniera
razionale del racconto poetico) è il termine con cui si indica lo
studio - riferito di frequente alle singole religioni - dei
miti.


Disciplina
considerata fenomeno culturale assai complesso, la mitologia può
essere analizzata sotto diverse prospettive; il suo corpus è
comunque dato dall'insieme di narrazioni - quasi sempre orali, spesso
letterarie - e da drammatizzazioni e rappresentazioni di tipo
figurativo che mettono a fuoco le vicende di personaggi esterni al
tempo inteso in senso storico.


L'intersecarsi,
il comporsi - ed anche lo scomporsi ed il successivo ricomporsi -
delle vicende mitologiche - che è possibile vedere sotto una diversa
prospettiva a seconda di una narrazione o rappresentazione rispetto
ad un'altra - costituiscono il patrimonio di una determinata cultura.







Il
mito d' europa queen








mito narra della principessa Europa, figlia del re dei Fenici , che scesa al mare con le
ancelle incontrò sulla spiaggia un toro bianco di grande bellezza e
mitezza, tanto da indurla a cavalcarlo. Ma il toro si lanciò
attraverso il mare trasportando la fanciulla fino all’isola di
Creta, dove assunse le sembianze di Zeus e con lei generò tre figli,
tra i quali Minosse, re di Creta, e Radamanto, giudice degli inferi.
Il mito continua col racconto sui fratelli di Europa, che partirono
in varie direzioni per cercare la sorella: tra questi Cadmo che
giunse nella Grecia continentale e qui fondò Tebe; a lui è
attribuita la trasmissione dell’alfabeto dalla Fenicia alla grecia



Ultima modifica di Fulco il Ven Apr 05, 2013 9:29 am, modificato 1 volta

10 Re: ***Grecia*** il Lun Mar 25, 2013 12:19 pm

Ospite


Ospite
La Grecia è una nazione Europea bagnata dal Mar Egeo, comprende anche la penisola del Peloponneso che è prevalentemente montuosa. In Grecia la fonte principale è il turismo ma è anche sviluppata l'agricoltura (ulivo e vite) che si pratica nella pianura, è sviluppata anche la pesca. Le città principali sono Atene (che è anche la capitale della Grecia),Delfi, Olimpia,epidauro...






Ultima modifica di Pietro il Ven Apr 05, 2013 5:48 pm, modificato 1 volta

11 Re: ***Grecia*** il Mar Mar 26, 2013 4:04 pm

Ospite


Ospite
La Grecia


Superficie=131, 626

Moneta=EURO €

Abitanti= 10, 645, 343

Capitale= Atene

Lingua=Greco
Carnevale
In Grecia il carnevale viene chiamato “Apokries” e consiste in due settimane di festa che finiscono con l’inizio della quaresima, un lunedi chiamato “Lunedi pulito(Kathari deftera). Tutti sono in costume e festeggiano nelle strade e nei bar gettando l’uno all’altro coriandoli colorati. La piu famosa parata di carnevale si svolge nella citta di Patrasso dove tutti ballano e bevono per tutta la notte e il giorno. Questa usanza si crede che provenga dal paganesimo e precisamente dalle antiche festivita di culto per Dionisi, dio del vino e della festa.


Pasqua
La Pasqua e la piu importante celebrazione per I Greci, anche piu del Natale.
Le donne colorano le uova di rosso, I padrini comprano le nuove scarpe, vestiti e una candela ai figliocci, nei villaggi,le case all’esterno e le strade vengono dipinte di bianco. Il Venerdi Santo, giorno di lutto, l’Epitaffio(il sepolcro di Cristo con icone, decorato con migliaia di fiori) viene portato fuori dalla chiesa e trasportato attraverso il villaggio o il vicinato (nelle grandi citta) al cimitero seguito da una lenta processione.


lol!Giorgio, Pietro, Guglielmo, Fulcco:lol!:



12 Re: ***Grecia*** il Gio Apr 11, 2013 1:12 pm

Ospite


Ospite
Questi sono i miei due lavori sulla grecia: oggi...
http://www.esteri.it/mae/infografica/grecia.pdf

...e ieri

GRECIA





Inizialmente si riteneva che i Greci fossero
costituiti dalle popolazioni indoeuropee degli Achei, degli Ioni e
degli Eoli che, provenienti da nord, sarebbero migrate verso la parte
meridionale della penisola durante la fine del II millennio a.C.,
tuttavia, non esistono dati che provano la tesi dell'invasione.
Secondo altre tesi è probabile che queste popolazioni non siano mai
giunte in Grecia, ma si siano formate lungo un complesso processo
storico.

Verso il 1600 a.C., grazie anche all'influsso della
civiltà minoica, nelle maggiori città del Peloponneso, della
Beozia, della Tessaglia e dell'Attica come Micene, Tirinto, Argo,
Tebe e Atene vi fu l'ascesa di una nuova civiltà, quella dei
micenei.

Verso il 1200 a.C., due nuove ondate migratorie, una
dal nord, i cosiddetti popoli del mare, e una dai Balcani di
popolazioni indoeuropee, i Dori, posero fine all'egemonia micenea,
causando un periodo di decadenza.

Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum